partigiani-in-montagna

GUÈRA DE LIBERASSIÙ

A sére u scetorlèt a chèl tép là, però regorde
a’ mé chi bròcc momèncc: quando che I’éra
ergòt ù t’òch de pà e’l mond a l’éra ‘n mèss a
gran tormèncc.

Momèncc che mè sperà de èd piò a turnà! A i
éra ‘n guèra tòcc i continèncc e a tata zét a
gh’è tocàt crepà, o al frént, o sòta quach
bombardamèncc.

L’òt de setèmber del quarantatrì, quando i éra
firmàt o l’armestésse, a gh’éra stacc pagàt
zamò è gran présse,

ma I’éra mia finit ol nòst sofri! A m’séra ‘n
mèss a ù di piè gran flagèi, perché s’mòria
per mà di nòscc fradèi.

Per chèsto gh’è nassìt i partìgià!
Dopovint’agn e piò de servidùr, gh’éra òna
gran sit de libertà,
i à facc vèd a tòcc ci sè vaiùr.

Ghe n’éra in sima ai mucc è ‘n di sità e, sènsa
ardàga a chèsto o a chèl colùr, i à combaùt
perché i éra italià e i à onuràt ol nòst bèl
tricolùr.

Per ista libertà che no gh’à’présse, i à
trengotit a’ i’ lacrime piè amare; perché l’èss
de finì sto bròt calvare

no i à vardàt a mòrcc e sacrefésse. E mé ghe
lèe ‘1 capèl a ste soldàcc, che i merita debù
d’èss regordàcc.

Remo Pedrini

— . — . —

GUERRA DI LIBERAZIONE

Ero un bambino qui tempi là,
ma anch’io mi ricordo quei brutti momenti
quando un pezzo di pane era qualcosa
e il mondo era in mezzo a una grande bufera.

Momenti che è meglio sperare non tornino
più! Erano in guerra tutti i continenti,
e a tanta gente è toccato crepare
o al fronte, o sotto qualche bombardamento.

L’8 settembre del ’43, quando avevano
firmato l’armistizio, era già stato pagato
un grande prezzo,

ma non era ancora finito il nostro soffrire!
Eravamo in mezzo a uno dei più grandi flagelli,
perché si moriva per mano dei nostri fratelli.

Per questo sono nati i partigiani!
Dopo vent’anni e più di servitù, c’era una
gran sete di libertà,
e han fatto vedere a tutti il loro valore.

Ce n’erano in cima ai monti e nelle città e
senza guardare a questo o quel colore,
hanno combattuto perché erano italiani
e hanno onorato il nostro bel tricolore.

Per la nostra libertà che non ha prezzo,
hanno inghiottito le lacrime più amare,
perché avesse a finire questo brutto calvario

non han guardato a morti e sacrifici.
E io mi tolgo il cappello a questi soldati,
che meritano davvero di essere ricordati.

Remo Pedrini

 

Annunci