Tag

20140425-231124.jpg

La rappresentazione della morte del partigiano di Manzù si rifà ad una sua esperienza personale: ricordava di aver visto un partigiano “…nudo, aveva solo una maglietta, una povera maglietta consunta. Era bianchissimo contro il muro rosso…Ma soprattutto impressionanti erano le braccia, tese ad implorare la terra di accoglierlo, nudo com’era”. Il retro del monumento porta la dedica dell’artista: ”Partigiano ti ho visto appeso immobile. Solo i capelli si muovevano leggermente sulla tua fronte. Era l’aria della sera che sottilmente strisciava nel silenzio e ti accarezzava, come avrei voluto fare io – Giacomo Manzù, 25 aprile 1977”

Annunci