Tag

L’esperienza d’unione con l’uomo, o, in senso religioso, con Dio, non è certo irrazionale. Al contrario è, come Albert Schweitzer ha sottolineato, la conseguenza del razionalismo, la sua conseguenza più ardita e radicale. È basata sulla consapevolezza dei limiti fondamentali, e non accidentali, del nostro sapere. È la consapevolezza che non riusciremo mai ad «afferrare» il segreto dell’uomo e dell’universo, ma che possiamo tuttavia conoscerlo nell’atto d’amore. La psicologia come scienza ha i suoi limiti, e come la conseguenza logica della teologia è il misticismo, così la diretta conseguenza della psicologia è l’amore. Premura, responsabilità e comprensione sono strettamente legate tra loro. Sono un complesso di virtù che fanno parte di una personalità matura, di una persona che sviluppa proficuamente i suoi poteri, che sa quello che vuole, che ha abbandonato sogni narcisistici di onniscienza e onnipotenza, che ha acquisito l’umiltà fondata sulla forza intima che solo l’attività produttiva può dare.

Erich Fromm, L’arte di amare

Annunci